IL FEMMINELLO

Il femminello è l'omosessuale effeminato.

Il femminello si muove in modo aggraziato; camminando, ancheggia come fanno le donne. La sua gestualità è ampia, morbida e manierata.

Il femminello (italianizzazione del napoletano "femmenello") possiede, dal punto di viste etimologico, una storia interessante.

In origine, in napoletano esisteva il termine "femmenella", che nulla aveva a che fare con l'omosessualità. Per "femmenella" si intendeva una ragazzina giovane che si atteggiava a donna, pur senza esserlo ancora. Nella sua acerbità, la femmenella si contrapponeva alla "femmena", (una donna già pienamente sbocciata), o addirittura alla "femmenona". Se "femmenella" veniva pronunciato con la "o" finale, dunque, al maschile: femmenello, si alludeva scherzosamente ad un uomo che volesse apparire come una femmina: essendone ovviamente ben lontano, e quindi risultando massimamente ridicolo. Passando dal napoletano femmenello al'italiano "femminello", la parola non ha perso nulla del suo significato (canzonatorio e dispregiativo) di "omosessuale effeminato". La stessa cosa, linguisticamente parlando, si è verificata per "sciupafemmene": in italiano è diventato "sciupafemmine" (la seconda "e" è diventata "i"), continuando a significare "uomo che fa deperire ("sciupare") le donne". Differente destino ha invece avuto la "malafemmena": in napoletano, prostituta, donna di strada. Trasformandosi nell'italiano "malafemmina", che lo ha sostituito, il termine si è edulcorato, passando a designare una donna volubile, che non rispetta la parola amorosa, ma niente di più.

Il femminello non va confuso col "femminiello".

Il femminiello è un omosessuale passivo con grossi problemi di identità sessuale: vorrebbe essere una donna a tutti gli effetti, cosa che invece al femminello non interessa. Gli stessi napoletani (differenziandosi i due termini per una semplice "i"), a volte si confondono, e dicono "femmenello" (o femminello, se lo pronunciano in italiano) per indicare il femminiello: l'omosessuale teatrale ed esibizionista che si veste da donna, parla con voce acuta e stridula, vive costantemente sopra le righe.

Nojob s.r.l. P.iva 05546461210